33
3
21
16
"«Ho paura del buio.»
«Il buio non c’è, Andrea.»
«Invece si.»
«Il buio è la luce spenta.»
«Nel buio ci sono i mostri. Alla luce non si vedono.»
«Tu li hai mai visti?»
«Si.»
«E com’erano?»
«Brutti.»
«Perché, cosa facevano?»
«Paura.»
«Come?»
«Con il buio: come fanno i mostri. Ti fanno paura perché si nascondono, ma ci sono.»
«Dove si nascondono?»
«Negli angoli, nei buchi, ed escono col buio. Di giorno ti seguono da dietro, non hanno il coraggio di venirti davanti perché la luce li soffia dietro di te. Però copiano tutto quello che fai.»
«Perché?»
«Sono invidiosi.»
«E fanno male?»
«Si.»
«Come?»
«Con il buio.»
«Ah…»
«Ma anche loro hanno una paura.»
«Quale?»
«Sono sempre soli e ti attaccano quando sei solo anche tu.»
«E se siamo in due?»
«Non attaccano.»
«Perché?»
«Perché in due c’è luce.»
«Ma se è tutto buio!»
«No, c’è una luce che solo i mostri vedono.»
«Che luce?»
«La luce che si accende quando due persone sono vicine e si abbracciano, come nella lampadina.»
«Che c’entra?»
«Dentro la lampadina ci sono le braccia e in mezzo passa la luce.»
«E come mai noi non la vediamo?»
«Perché è una luce nascosta, si vede solo nei disegni. Quando due si vogliono bene, nessun mostro può fare niente.»
«Ci sono molti mostri qui a casa?»
«Adesso si, perché prima la luce di papà e mamma li teneva tutti lontani.»
«E ora?»
«La luce si è fulminata. Ora stanno uscendo tutti dagli angoli e dai buchi. E hanno fame.»
«Cosa mangiano?»
«Il sonno.»
«Il sonno?»
«Si, loro ti tengono sveglio e tutto il sonno che tu vuoi dormire lo risucchiano.»
«E cosa ci fanno?»
«Crescono, diventano sempre più grandi.»
«E poi?»
«Poi non entrano più nei buchi e negli angoli e allora vanno dappertutto.»
«Mmm…»
«Dobbiamo farli morire di fame.»
«Come?»
Andrea abbracciò la sorella. Si aggrappò a Margherita come fosse un salvagente e cominciò a galleggiare nel sonno pochi secondi dopo. Margherita non riusciva a dormire, ma almeno quella notte i mostri avrebbero lasciato in pace suo fratello e divorato solo il suo sonno. Chi ha un amore che veglia può dormire sonni tranquilli."
Cose che nessuno sa (via staywithmeforever-dreamer)
6
3
1
1
7
""E nella vita le cose che contano non si ottengono mai con facilità”. E sapete una cosa? oggi so che è giusto così. perché la facilità, nelle cose importanti le sminuisce le rimpicciolisce. meglio faticare, sudare, arrabbiarsi e disperarsi per ottenere ciò che realmente conta. meglio graffiarsi l’anima per arrivare. perché il premio non è mai solo la meta.. il premio spesso è il percorso che ci porta alla meta stessa…""
0
2
"Se un piatto o un bicchiere cadono a terra senti un rumore fragoroso. Lo stesso succede se una finestra sbatte, se si rompe la gamba di un tavolo o se un quadro si stacca dalla parete. Ma il cuore, quando si spezza, lo fa in assoluto silenzio."
4
Next Page »